In amore chi di noi non ha tradito? E’ stato tradito? Avrebbe voluto tradire?
Aprile 9, 2024
La Cicala parlante : ELOGIO DELLA VECCHIAIA (C’è sempre un altro lato da cui guardare)
Aprile 9, 2024
Mostra tutto

Va ora in onda la quarta puntata del cult “Love in progress”

Va ora in onda la quarta puntata del cult “Love in Progress”

Riassunto delle puntate precedenti: Una Lei e un Lui hanno appena deciso di passare il primo week end insieme a casa di Lei. Non si conoscono tanto, ma si piacciono molto. La situazione è nuova per i due settantenni. Sarà divertente, hard, noioso, rilassante? Un Covid imprevisto allontana il momento dell’incontro e apre a inquietudini da parte della Lei. Alla guarigione segue però l’annuncio della visita inaspettata di un amico e della figlia di Lei che si uniranno a Lei e Lui per una parte del week end. Da serata romantica a cena di famiglia? Chissà!

Citofono

Il primo ad arrivare è Carlo. Affettuoso come sempre, carico di pensierini per Lei e per Vittoria, vuole sapere tutto di Federico che anche lui ha già conosciuto: perché? quando? come?

Lei non ha voglia di raccontare, svelare, immaginare e glielo dice: “Non si inciucia Carlo, non ho voglia di farmi dei film. Ti dirò come mi sembra Federico dopo che avremo passato il week end” Carlo ci resta un po’ male ma è un uomo intelligente e subito si inventa una commissione urgente da fare per lasciarla sola quando arriverà Federico.

In scena tra pochi minuti!

Lei è sola, è tutto pronto per la cena e mette della musica per alleggerire l’agitazione incombente e far emergere quelle sensazioni di leggera euforia che solo la musica sa dare… non languido romanticismo, solo emozioni e ricordi di ragazza: certo che il primo incontro con Federico se lo era immaginato ben diverso…Ma forse, meglio così.

Se pensa a tutto quello che ha fatto per arrivare a questo venerdì sera, si sente stanchissima, ma anche il rifugio del “mi sento stanca”, va smontato: in fondo cosa ha fatto di così straordinario? Preparato i letti con tanto di asciugamani, accappatoi, pantofole rubate negli alberghi, cucinato come se non ci fosse un domani, apparecchiato stile Downtown Abbey e passato due giorni a “restaurare la salma”.

In proposito, come già la volta scorsa, è partita per tempo l’operazione “restauro”, esteriore ma anche interiore, e perché no anche della casa … mettere un po’ di ordine fra gli “intrighi”, abbattere le foto degli ex, ma anche quelle con i figli (perché si nota troppo la differenza di età … i nipotini poi fanno tanto nonna papera!). Mercoledì la seduta dall’estetista è una promessa: la nuova macchina-magica, cinque funzioni in una, vacuum, radiofrequenza, infrarossi, led, rullo ….  levigata, rimpolpata, chi offre di più??? “Insista con il vacuum, per favore” alla fine sembra che le abbiano fatto due succhiotti appassionati sul mento…Il succhiotto, però è tattico, neanche male … un po’ di fondo tinta e sembra di avere 17 anni. Diciamo che è stata una settimana senza fine … formativa come non si poteva immaginare.

Eccolo

“Secondo piano” ha risposto al citofono. È Lui. Non si scappa più: inizia la giostra. Possibile che anni e anni di felice singletudine si cancellino così di colpo? Possibile che tutta la folla di pensieri sull’età, la coppia, l’amore, il sesso, e le convincenti e inoppugnabili teorie elaborate, ora possano/debbano essere messe in pratica? Non ci crede.

Lei resta sulla porta. L’ascensore si apre ed ecco il sorriso che le piace. Lui ha la sacca in una mano e un pacchetto nell’ altra. Lei gli indica il divanetto su cui appoggiare la sacca (non ce la fa proprio a lasciare le cose al caso!) e tra un incrocio di “Ciao, ben arrivato, che bello vederti” arriva un bacio. La cosa più naturale del mondo. Labbra morbide, baffi che prudono, sensuale ed eccitante. È durato un attimo, ma ha avuto il potere di distruggere tutte le immagini sarcastiche e grottesche che Lei aveva prodotto nei giorni precedenti: scontro di nasi, groviglio di occhiali, cicca antifumo in bocca, estensioni ginniche sul divano e la posizione delle mani!?? Inerti da vergine sacrificale? avvinghiate da tigre del sesso? Accarezzanti come la più consumata delle seduttrici? E Lui? Dove le mette? Il solo pensiero le fa venire da ridere, perché “pomiciare” a 70 anni non è facile da immaginare. O no?

“Scusami, ma devo mettere subito una cosa in frigo…ho portato un formaggio tipico della zona (Federico abita vicino a Losanna) che va tenuto al fresco e poi ho i miei flaconi di integratori post Covid… sono schifosi, ma il medico dice che li devo prendere…”

Sorriso, bacio, frigo, formaggio, medicamenti: ecco i primi passi di un “Love in progress” over 70.

(La colonna sonora di questa puntata è: Woman di John Lennon, I will survive  di Gloria Gaynor, C’est la vie di Khaled )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *