La Cicala parlante: Invecchiare restando giovani
Luglio 14, 2022
MADRE MARE: Storie di oceano e di scienziate, scrittrici e attiviste.
Luglio 14, 2022
Mostra tutto

La Vecchiaia di Barbara Alberti

Donne stiamo attente, ci stanno levando tutto! Se ci levano anche la vecchiaia siamo fritte. Voglio restaurare una parola fuori moda, fuori legge: vecchiaia.

La vecchiaia è un’età anche interessante, la vecchiaia è un’età molto anarchica e romantica. Perché ogni giorno può essere l’ultimo, perché sei in fuga dalla morte e ogni giorno in più dici: tiè, ti ho fregato. È un’età molto fervida, è un’adolescenza senza domani. E sarebbe un’età interessante se non fosse che poi si muore.

Cioè, io la retorica sulla bellezza della vecchiaia la lascio al mercato che ci adula a noi vecchi per venderci i suoi schifosi prodotti. Mi secca essere vecchia, perché è la porta della morte ed è, e resta, una maledizione biblica. Però non è mai stata così brutta da quando si cerca di nasconderla, da quando non si nomina più, cioè, non è una parolaccia, è il nome di una stagione, perché esistono le stagioni e c’è una grande durezza, ma anche una grande dolcezza in questo.

Terza età, anziano, mi fa sentire in fin di vita mentre vecchio ha un bel suono di battaglia, vecchio! La vecchiaia femminile è stata abrogata dal mercato e la donna è stata demonizzata: la donna accetta la farsa della giovinezza obbligatoria, la plastica è il nostro burqa.

Ci fosse il filtro di giovinezza ti credo correrei! Farei qualsiasi bassezza, vorrei avere sedici anni in tutto, specie nella mente, ma anche in corpo, nel fegato… E se non mi sono rifatta non è perché non sono vanitosa, ma è perché sono vanitosissima, di una vanità ributtante, e non voglio aggiungere l’oltraggio del bisturi a quello del tempo. Certo, ci vuole un senso dell’umorismo sempre più spiccato per portare in giro la propria faccia, però mica sei vecchio sempre. La persona libera cambia età molte volte al giorno: siate nonne a quindici anni, fidanzate a ottanta, ma non siate mai quelle che gli altri vogliono.

La donna oggi: in una mano la ramazza nell’altra il biberon nell’altra il computer nell’altra la biancheria sexy nell’altra i vecchi da curare. Ma quante mani ha una donna? E adesso bisogna pure essere fighe fino a ottant’anni. Ma perché? Non facevamo già abbastanza?”

Barbara Alberti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.