Olympe de Gouges
Marzo 1, 2019
Da leggere: La spirale del tempo.
Marzo 5, 2019
Mostra tutto

La gioia di essere una donna sui “70” di Mary Pipher

La gioia di essere una donna sui “70”

Molti di noi hanno imparato che la felicità è un’abilità e una scelta.

di Mary Pipher Dr.Psicologa clinica

Quando ho detto alle mie amiche che stavo scrivendo un libro su donne anziane come noi, hanno immediatamente protestato: “Non sono vecchia”. Quello che intendevano era che non agivano o si sentivano come gli stereotipi culturali delle donne della loro età. Vecchia significava prepotente, inutile, infelice e così via. Le idee del nostro paese sulle donne anziane sono così malsane che quasi nessuno, indipendentemente dalla sua età, ammetterà di essere vecchia. Per le donne in America, l’ageism è un problema più grande rispetto all’invecchiamento stesso. I nostri corpi e la nostra sessualità sono svalutati, siamo denigrate dalle barzellette sulle suocere e siamo rese invisibili dai media. Eppure, la maggior parte delle donne che conosco si descrivono in uno fase della vita vivace e felice. La nostra felicità deriva dall’autoconoscenza, dall’intelligenza emotiva e dall’empatia per gli altri.

Alla maggior parte di noi non manca lo sguardo maschile. È arrivato con fischi, molestie e attenzioni indesiderate. Ora ci sentiamo libere dalla tirannia di preoccuparci del nostro aspetto. Eppure, in questa fase di evoluzione, ci troviamo di fronte a grandi sfide. È improbabile sfuggire a lungo a grandi dispiaceri. Soffriamo tutte, ma non tutte si evolvono. Quelle di noi che crescono, lo fanno sviluppando le nostre capacità di sopportare dolore e felicità. In realtà, questo pendolo tra gioia e disperazione è ciò che rende utile la vecchiaia per la crescita spirituale ed emotiva. A partire dagli anni ’70, abbiamo avuto decenni per sviluppare la resilienza. Molte di noi hanno imparato che la felicità è una capacità e una scelta. Abbiamo imparato a guardare ogni giorno con umorismo, amore e bellezza. Abbiamo acquisito un’attitudine per apprezzare la vita. La gratitudine non è una virtù ma un’abilità di sopravvivenza, e la nostra capacità di provarla cresce con la nostra sofferenza. Ecco perché è la meno privilegiata di noi, non la più, che eccelle nell’apprezzare le più piccole opportunità. Mentre usciamo dal funerale di un’amico/a, possiamo sentire l’odore del fumo di legna nell’aria e assaporare i fiocchi di neve sulle nostre lingue. La nostra felicità è fondata sull’atteggiamento e sull’intenzione. L’atteggiamento non è tutto, ma è quasi tutto. Sono andata a trovare la grande jazzista Jane Jarvis quando era vecchia, paralizzata e viveva in un minuscolo appartamento con una finestra di fronte a un muro di mattoni. Ho chiesto se fosse felice e lei ha risposto: “Ho tutto ciò di cui ho bisogno per essere felice, proprio tra le mie orecchie”.

Potremmo non avere il controllo, ma abbiamo la possibilità di scegliere. Con l’intenzione e l’attenzione focalizzata, possiamo sempre fare progressi. Scopriamo ciò che stiamo cercando. Se cerchiamo prove di amore nell’universo, lo troveremo. Se cerchiamo la bellezza, si riverserà nelle nostre vite in qualsiasi momento desideriamo. Se cerchiamo di apprezzare le occasioni, scopriamo che sono tantissime. C’è uno straordinario bilancio nella vecchiaia. Tanto viene tolto, di più viene trovato  da amare e apprezzare.

Le donne anziane hanno imparato l’importanza delle aspettative ragionevoli. Sappiamo che tutti i nostri desideri non saranno soddisfatti, che il mondo non è organizzato per piacere a noi e che gli altri, specialmente i nostri figli, non sono in attesa delle nostre opinioni e dei nostri giudizi. Sappiamo che le gioie e le sofferenze della vita sono mescolate insieme come il sale e l’acqua nel mare. Non ci aspettiamo perfezione o sollievo dalla sofferenza. Un buon libro, un pezzo di torta fatta in casa o una chiamata da un amico possono renderci felici. Possiamo essere più gentili con noi stesse e più oneste e autentiche.

Non abbiamo bisogno di fingere a noi stesse e agli altri che non abbiamo dei bisogni. Possiamo dire di no a tutto ciò che non vogliamo fare. Possiamo ascoltare i nostri cuori e agire nel nostro interesse. Siamo meno angosciate e più contente, meno condizionate e più capaci di vivere nel presente con tutte le sue adorabili possibilità. Molte di noi hanno una rete di protezione di buone amiche e partner di lunga durata. C’è una dolcezza nelle amicizie e nei matrimoni che durano da cinquant’anni che non può essere descritta a parole. Conosciamo le reciproche fragilità, i difetti e i talenti; abbiamo combattuto le nostre lotte all’ultimo sangue e siamo comunque grate di stare insieme.

L’unica costante nella nostra vita è il cambiamento. Abbiamo vissuto sette decenni della storia del nostro paese, da Truman a Trump. Conoscevo la mia bisnonna e, se vivessi abbastanza a lungo, incontrerei i miei pronipoti. Avrò conosciuto sette generazioni di famiglia. Sono viva oggi solo perché migliaia di generazioni di homo sapiens resilienti sono riusciti a procreare e crescere i loro figli. Vengo da, veniamo tutti da, stirpi resilienti, o non saremmo qui. Dal momento che abbiamo 70 anni, tutte abbiamo avuto più tragedie e più felicità nella nostra vita di quanto avremmo potuto prevedere. Se siamo sagge, ci rendiamo conto di essere solo una goccia nel grande fiume che chiamiamo vita e che è stato un miracolo e un privilegio essere vivi.

Mary Pipher è una psicologa clinica a Lincoln, in Neb., E l’autrice dell’imminente “Women Rowing North: Navigating Life’s Currents and Flourishing as We Age”.

tratto The New York Times jan 12, 2019

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.